Maredi' 19 Agosto 2003
Ci aspettavamo il sole questa mattina , invece piove e fa ancora freddo, eppure si parlava di un estate torrida quella del 2003......ma il caldo tornerà.
La giornata quindi inizia con il solito rituale del percorso da fare, da ultimare, in base appunto al tempo. Decidiamo  di partire subito, altri castelli e città di un certo interesse ci attendono : Kilchurn Castle , Inverarary Castle e la sua cittadina,la regione del Loch Lomod fino a Stirling che dista circa 50 chilometri da Edimburgo la  meta finale della nostra vacanza.
La strada anche se trafficata offre numerosi spunti panoramici indimenticabili per me che  piace fotografare , ma il tempo e' proprio inclemente , una fitta pioggia non mi permette neanche  di smontare dalla macchina per una buona inquadratura. C'e' un piccolo aneddoto che vi voglio raccontare: partiti dall'albergo dopo qualche chilometro la macchina con alla guida Francesca accosta e di conseguenza mi fermo anch'io. Cosa era successo? Semplice la "furbissima" Denise si era dimenticata di consegnare le chiavi dalla stanza del B&B alla signora e se le era tenute in valigia come ricordo !!!.Allora non sapendo cosa farsene del mazzo di chiavi, loro decidono di tornare indietro a ricosegnarle cosi' noi possiamo proseguire dandoci appuntamento una ventina di chilometri più avanti di fronte al Kilchurn Castle. Sulla punta settentrionale del Loch Awe troneggiano le pittoresche rovine dell'omonimo castello del 1440. Dico rovine e dovete credermi perchè penso che esternamente sia il castello peggiormente conservato di quelli visitati. All'interno non saprei dirvi...ma penso che non ci sia niente di interessante.Ho avuto il tempo di fare qualche foto attendendo l'arrivo degli altri.Foto scattate appunto dalla macchina per le avverse condizioni metereologiche .Ecco il castello e se  cliccate sopra la mia foto lo vedrete sotto un'altro aspetto:quello con una stupenda giornata di sole....su internet si trova anche il sole.....

...Arrivano finalmente gli altri, si può proseguire verso Inveraray,base di partenza per esplorare le Highlands meridionali questa cittadina di 500 abitanti sul Loch Fyne è circondata da colline boscose.
Due le attrazioni principali del paese:
Il Castello in stile neoclassico circondato da un parco incantevole, residenza dei duchi di Argyll,il ramo più antico del clan dei Campell, fu costruito nel XVIII secolo. All'interno troviamo eleganti saloni con preziosi mobili in stile e arazzi. Notevole anche la collezione di armi e porcellane. L'unica foto che sono riuscito a fare dell'interno è la cucina nei piani sottostanti ai saloni.

 

Meritano  una visita le vecchie prigioni (Jail)della contea di Argyll oggi trasformate in museo, in cui e' documentata la storia criminale della Scozia dal XVI al XIX secolo.In quella che fu la sala del tribunale figure ad altezza naturale riportano in vita i personaggi di grandi processi del passato, e nelle celle si racconta la storia dei detenuti.
La visione a 360° di Inveraray dal tetto della prigione. Da vedere.


Iniziamo a questo punto una delle piu' belle strade panoramiche di tutta la Scozia ovvero quella che ci porterà a Stirling costeggiando il Loch Lomod, a nord ovest di Glasgow , il più grande lago di tutta la Gran Bretagna., definito il lago di tutti gli scozzesi e grazie alla sua pescosità (trote e salmoni) è molto popolare tra i pescatori sportivi. Questo è il volto più suggestivo di tutta la Scozia;un paesaggio pittoresco che attira una grande quantità di turisti per un po' di riposo. Si può prendere il vaporetto a pale per scoprire le bellezze del lago o salire sul Ben Lomod (973 mt.)per godersi la vista dall'alto dei suoi dintorni. Questa strada che percorriamo prende il nome di Western Highland Way che da Fort Wilimas arriva fino a Glasgow per la regione di Argyll.Sulle rive orientali del lago c'e' il grande parco di Baloch Castle.
Noi turisti....di tutto questo abbiamo visto ben poco purtroppo e neanche una foto posso mostrarvi del paesaggio  causa semplicemente della bruttissima giornata e della pioggia battente che ci ha accompagnato durante il tragitto odierno, solo verso la fine della giornata quando ormai eravamo nei pressi di Stirling aveva cessato di piovere ma era molto freddo.  Ci dirigiamo verso il centro della città per un giro esplorativo per  la solita ricerca di un tetto per passare la notte.
Stirling conta 24.000 abitanti e' situata nella valle del fiume Forth in un punto di grande importanza strategica, all'ingresso delle Higlands.
Da visitare sicuramente il castello (che vedremo all' indomani mattina), la città vecchia ottima per gli acquisti , la zona pedonale di King Street la chiesa gotica di Holy Rude la cui navata centrale con un massiccio soffitto di quercia risale al 1270.In questa chiesa vennero incoronati Maria Stuart e suo figlio Giacomo VI. L'Old Bridge in memoria della battaglia che sconfisse gli inglesi nel 1297 ad opera di Wiliams Wallace e infine l'omonimo monumento all'eroe scozzese a circa 2,5 km a nord della città,una torre quadrangolare alta 64 mt. (ci andremo in cima l'indomani) visibile da lontano. Una mostra all'interno ricostruisce le fasi della battaglia con gli inglesi tra il 1296 e il 1298. Tutte le foto sono sulla prossima pagina, il mattino seguente.
Proprio nei pressi della torre quindi un po' fuori della città troviamo la sistemazione per la notte. Due B&B a pochi passi uno dall'altro molto accoglienti e per la prima volta con il riscaldamento acceso nelle stanza, segno questo che di li l'estate non era passata mica tanto !!!!!.Forse solo a causa della precipitazione odierna la temperatura si era abbassata di molto  ma sicuramente era una cosa passeggera.
Successivamente ad un po' di relax sdraiati sul letto decidiamo di uscire per la cena e di visitare anche un po' la città e camminare per quella zona pedonale che avevamo precedentemente visto in macchina. Decisamente una bella città Stirling a nostro parere, e dopo tante cene a base di pietanze scozzesi eravamo alla ricerca di un ristorante italiano  magari gestito da italiani per scambiare due parole nella nostra lingua originale .Infatti dopo qualche giro alla ricerca proprio nei pressi dei nostri B&B entriamo un un ristorante gestito da un signore emiliano molto gentile che da anni vive e lavora in Scozia che ci ha raccontato come  quest'anno il turismo aveva raggiunto livelli molto elevati anche in Scozia proprio per il prolungarsi inaspettato della bella e calda stagione estiva, eccetto quella serata... naturalmente. Mangiamo e beviamo molto bene con la  cucina italiana, anche il conto... comunque e' salato.......